Un articolo pubblicato sulla pagina facebook dell’S.S. Real Villasanta, squadra dilettantistica che milita nel campionato di calcio UISP Monza e Brianza, mi ha illuminato su cosa possa essere il calcio e lo sport in generale.

Vincitori del campionato, dopo una rimonta epica e sconfitti solo in finale nelle finali regionali in quel di Cesenatico da una tosta, organizzata squadra di Brescia.

Vincere. Certo, importante e bellissimo.

Ma l’insegnamento principe di questa vicenda non è la vittoria sul campo. Nel calcio, come nella vita, si vince e si perde.

Quello che conta è la squadra. Il gruppo.

Imparare a stare in un gruppo significa rispettare determinate regole. Significa sacrificarsi per il proprio compagno. Significa aiutare chi è in difficoltà e redarguire chi non sta dando tutto quello che può dare. Significa prendersi delle responsabilità. Significa carattere. Significa mettere al primo posto gli obiettivi della squadra, sacrificando quelli personali.

E quando una squadra, un gruppo, diventa una famiglia, con tutti i suoi pregi e suoi difetti, allora, e solo allora, tutti gli obiettivi possono essere considerati raggiunti. Vincere sul campo assume un significato diverso. Un contorno che, ovviamente, fa enormemente piacere ma che non potrà mai sostituire la gioia dello stare insieme. La gioia di divertirsi.

Il Real Villasanta non è una squadra di calcio. E’ una filosofia di vita. E’ amore. E l’amore, come spesso accade, porta gioie e sofferenze. Ma non puoi farne a meno. Perchè è parte integrante della tua vita.

Continuate così. Continuate con la vostra, ammirevole e commovente passione a costruire questa splendida, meravigliosa famiglia.

L’importante non è vincere. L’importante è dare tutto se stesso per vincere. E con questi presupposti, anche se la prossima finale, la prossima battaglia, non finirà come ci si immagina, ci troveremo tutti al bar a bere birra esattamente come per festeggiare una vittoria.

Tutti insieme.

Solo con questo spirito, la prossima finale, non si giocherà solamente, ma si vincerà. Anche sul campo.

Perchè l’amore di una famiglia, vince sempre.

Rispondi