Tra pochi giorni saremo chiamati alle urne per votare sulla riforma costituzionale voluta dell'autoeletto Presidente del Consiglio Matteo Renzi. 

Io voterò NO e mi sembra corretto argomentare e spiegare le ragioni della mia decisione.

RIFORMA DEL SENATO
Dal momento in cui si stabilisce che il Senato non serve, cosa che mi è parso di capire da tutta questa vicenda, aboliamolo del tutto. Perché tenere a tutti i costi un organo considerato inutile quando costa centinaia di milioni di euro al popolo Italiano?  Una situazione simile è già avvenuta con la finta abolizione delle Province, l'ennesimo inganno.

VITALIZI
Con la riforma si risparmierebbero 200 vitalizi (riduzione dei senatori da 300 a 100). Benissimo. Tutto bellissimo. Torniamo, però, indietro a maggio 2015: è stato proposto l'abolizione totale di qualunque tipo di vitalizio o di pensione per tutti i parlamentari, deputati e senatori, cessati dal mandato (estensione della legge approvata per l'abolizione dei vitalizi dei condannati ). Ebbene , il PD di Renzi, fautore della riforma, ha votato contro. Incongruenza. Li fate voi i conti di quanti soldi avremmo risparmiato? Tanti.

RIDUZIONE DEI PARLAMENTARI
Concordo, vanno ridotti, non c'è il minimo dubbio. Che si faccia allora un referendum solo su questo quesito. Non posso accettare che per ridurre i parlamentari, pur essendo d'accordo, sono obbligato ad accettare altre riforme che non condivido per nulla. Non mi sembra per nulla corretto, è un ricatto bello e buono. Un altro, meschino, inganno.

NOMINE DEI PARLAMENTARI
A mio, modestissimo avviso, non serve cambiare la costituzione. Basterebbe aggiungere le preferenze sul 100% degli eletti alla legge elettorale. Problema risolto. A quanto ne so l'Italicum non mi sembra che vada in questa direzione. Incongruenza.

ELEZIONE DEL CAPO DELLO STATO
La riforma cambia poco o nulla... quarto, quinto, sesto, settimo, ottavo.... centoquindicesimo scrutinio, dovrebbe essere eletto dal popolo direttamente.

ART. 55 - SOVRANITA' DEL POPOLO ITALIANO
Per finire, aggiungo questo punto che ritengo di particolare importanza, fondamentale, inserito come se nulla fosse.... tanto per il “decidono tutto loro.....” e il popolo non conta nulla.

“..Partecipa alle decisioni dirette alla formazione e all’attuazione degli atti normativi e delle politiche dell’Unione europea. Valuta le politiche pubbliche e l’attività delle pubbliche amministrazioni e verifica l’impatto delle politiche dell’Unione europea sui territori.”

Significa semplicemente che costituzionalmente saremo obbligati ad attuare le leggi dell'Unione Europea (vedi perdita di sovranità, decide Bruxelles per noi...ottimo direi). In questo caso neanche la Corte Costituzionale potrebbe intervenire. Facciamo un breve esempio: mettiamo il caso che il popolo eleggesse (sempre che ci facciano votare......) un partito euroscettico come maggioranza parlamentare, considerato che il parlamento deve costituzionalmente seguire le politiche UE, il voto popolare , a questo punto, non avrebbe piú alcun valore..... Tragedia.

Ecco perché voto No. Non perché me lo ha detto Salvini o per mandare a casa Renzi, cosa di cui sarei felicissimo sia ben chiaro, voto NO perché, a mio avviso, contiene tutte queste incongruenze e tutti questi inganni che farebbero solo del male al paese. 

Sono stanco di essere preso per il culo.

#IoVotoNo

Rispondi