Il secondo principio dei “principi logici primi” di Aristotele, il principio di contraddizione, dice che è impossibile attribuire nello stesso tempo e sotto il medesimo riguardo predicati contradditori a uno stesso oggetto. In altre parole, per esempio, non posso dire che un oggetto è bello e brutto nello stesso tempo. O è bello o è brutto. Da qui ne consegue il terzo, il principio del terzo escluso: non si da una terza possibilità tra le due poste precedentemente. Principi, secondo me, da seguire e applicare sempre, senza alcun dubbio.

Rispondi